Viaggia con noi, iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte Speciali e le Novitdalle Strutture

Blog

Regata storica Repubbliche Marinare (Venezia) - © Shutterstock
Piazza San Marco (Venezia) - © Shutterstock
Basilica di San Marco (Venezia) - © Shutterstock
Enogastronomia

L'aperitivo a Venezia: il Bellini e lo Spritz

Il “ Bellini”, il più famoso aperitivo veneziano, creato nel 1948 all’Harry's Bar

Il Bellini
L’aperitivo veneziano più famoso, il “Bellini”, fu creato nel 1948 all’Harry's Bar di Venezia dal barman Giovanni Cipriani, che lo chiamò così perché il colore rosato gli ricordava un quadro del pittore Giovanni Bellini, ed è composto da vino bianco frizzante e polpa di pesca bianca frullata.

Questo drink sapido e profumato, apprezzato anche dal più famoso avventore dell’Harry’s Bar, Ernest Hemingway, è oggi uno degli aperitivi italiani più noti n ed uno dei cocktail ufficiali dell'Associazione Internazionale Bartender (IBA)

Esistono due famose  varianti del “Bellini”, una a base di fragola, il “Rossini“, dal nome del compositore Gioacchino Rossini, ed una a base di melograno, il “Tintoretto”, in onore del famoso pittore veneziano.
Se l’aperitivo veneziano più conosciuto al mondo è il Bellini, il più diffuso e consumato a Venezia è sicuramente lo Spritz.
 

Dove dormire a Venezia

Lo Spritz, il tipico aperitivo veneziano

Lo Spritz
La ricetta dello Spritz ha molte varianti, ma in ogni caso, per una regola non scritta, il colore deve essere sui toni del rosso. La composizione prevede vino bianco, generalmente Prosecco, acqua frizzante o seltz, una fetta di limone o di arancia e, a seconda dei gusti, Aperol, Campari, Cynar o Select

Esiste anche un cocktail ufficiale della IBA, lo "Spritz Veneziano", la cui ricetta prevede 6 cl. di Prosecco, 4 cl. di Aperol e una spruzzata di soda o seltz. Il nome Spritz deriva dal verbo tedesco “spritzen”, che significa “spruzzare“ e la ragione sembra essere che gli austriaci, i quali nell’ '800 occupavano i territori della Serenissima, erano soliti chiedere agli osti di “spruzzare” con acqua frizzante i vini veneti, di gradazione troppo elevata per le loro abitudini, secondo altri Spritz deriverebbe dal nome di vini austriaci della regione di Wachau. 

Se la parola Spritz è di origine austriaca, l’abitudine di aggiungere al vino un po’ d’acqua per farne una bevanda più fresca e leggera è un’antica usanza veneta molto antecedente all’arrivo degli austriaci a Venezia. Per fare solo un esempio già gli operai dell’Arsenale di Venezia d’estate ricevevano a metà pomeriggio una merenda di gallette e una bevanda a base di vino allungata con acqua fresca di pozzo. 

Lo Spritz come aperitivo vero e proprio nasce tra gli anni '20 e gli anni '30 del ‘900, quando si iniziò ad aggiungervi l’Aperol (prodotto dei fratelli Barbieri di Padova dal 1919) o il Select (inventato sull’isola di Murano nel 1920 e prodotto dai fratelli Pilla). 

Nel corso degli anni si è diffuso in tutto il Veneto, nel Friuli-Venezia Giulia, nel Trentino, in Istria e in tutta l'Italia centro-settentrionale ed oggi , grazie anche alla pubblicità televisiva dell’Aperol Spritz, la sua notorietà ed il suo successo sono senza dubbio di livello nazionale e anche internazionale, considerando quanto aperitivo è apprezzato dai turisti che visitano Venezia. 

A Venezia è tanta la tradizione di questa bevanda che, nonostante sia una delle città più care del mondo, lo Spritz mantiene sempre un prezzo conveniente, a volte costa meno di una bottiglietta d’acqua minerale. Nei bar e nei “bacari” (osterie) di Venezia, nel  tardo pomeriggio lo Spritz, accompagnato dai “cicheti” (tipici  stuzzichini veneziani), è un vero e proprio rito e chiunque visiti la città dovrebbe assolutamente provarlo.


Dove dormire in provincia di Venezia

L'ingresso dell'Harry's Bar di Venezia


 

31/10/2014
Stefano Reb
Redazione Viaggio-in-Italia
(vedi tutti gli articoli di questo Autore)
N.B. - Nonostante sia stata posta la massima cura nella preparazione e nella revisione dei testi in Agenda e Blog, questi potrebbero non essere del tutto precisi o aggiornati. Si consiglia di verificarli con i siti ufficiali o autorevoli, collegati nelle rispettive pagine. Viaggio-in-Italia non si assume responsabilità di eventuali errori o imprecisioni, invita i lettori a segnalarli a: info@viaggio-in-italia.it per consentirci il controllo e la correzione.

Argomenti nel Blog

Regioni

Cancella i Filtri

Eventi in Agenda

Vedi tutto »

Articoli del Blog

Vedi tutto »