Viaggia con noi, iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte Speciali e le Novitdalle Strutture

Blog

Portico della Basilica di Santa Maria dei Servi (Bologna) - © Shutterstock
Tagliatelle o Fettuccine (Bologna) - © Shutterstock
Negozio di prodotti tipici (Bologna) - © Shutterstock
Luoghi da vedere

Bologna: due passi per la città

Statua di Nettuno a Bologna - © Shutterstock

Le Porte di Bologna
Rappresentano quanto resta di quella cinta di mura, che per sette secoli avvolse e protesse la città di Bologna, conferendole al tempo stesso, urbanisticamente, una forma stabile.
Le antiche Porte Monumentali che cingevano la città, in origine erano 12, ma oggi, percorrendo i viali della circonvallazione, ne incontriamo 10.
Tutte sono state  oggetto di importanti lavori di restauro fra il  2007 e il 2009. Vale proprio la pena mettersi in viaggio, incontrarle e scoprire la lunga e affascinante storia di ognuna. Al termine le guarderemo con occhi diversi.

Partiamo da Porta Castiglione: è dei primi del XV° secolo e fu portata  alle forme attuali agli inizi del ‘900. Ecco ora Porta Galliera: edificata nel XIII° secolo, raccordava vie di terra e d’acqua verso la pianura e Ferrara.
Porta Lame è più recente, del 1677 e appartiene alla terza ed ultima cerchia delle mura.
Porta Maggiore risale al 1270, realizzata in laterizio, per secoli è stata lei l’ingresso principale della città. Porta Mascarella, dei primi del 1300, fu modificata nel XVI° secolo, ma ancora oggi mantiene intatta la struttura della costruzione originale.
Anche  Porta San Donato fu eretta nel XIII° secolo, a presidio della strada per le valli d’Argenta e per Ferrara ed è più conosciuta come Porta Zamboni.


Alloggi a Bologna

Bologna la grassa - © Shutterstock

Due passi nel cuore della città
Diamo il "Via!" al tour con un piccolo assaggio di quanto offre il cuore di Bologna “la Dotta”.
Si parte dalla Fontana del Nettuno (1564), opera di uno scultore fiammingo dal nome premonitore: Jean Boulogne, detto Giambologna. Nettuno è dunque uno dei simboli della città e può apparire strano che lo sia una statua del Dio del mare, ma occorre risalire ai tempi antichi, quando erano davvero tanti i torrenti e canali artificiali che attraversavano Bologna e che  la rendevano una vera e propria città d’acqua. 

Prima di spostarci nello splendido scenario di Piazza Maggiore, entriamo nell’edificio della Sala Borsa: se nell'Ottocento era il centro della vita economica, oggi è uno dei centri della cultura cittadina, grazie alla ricca biblioteca multimediale. Al suo centro una “piazza”, coperta da soffitti art déco e con un pavimento trasparente, che ci permette di vedere da vicino gli antichi reperti archeologici su cui oggi sorge la città. 

E’ l'ora di Piazza Maggiore, semplicemente “la Piazza” per i bolognesi. E’ circondata da edifici che ne fanno la storia: Palazzo D'Accursio, sede del Comune e delle Collezioni Comunali d'Arte, la Basilica di San Petronio, che custodisce la meridiana più grande del mondo. Non ce ne andiamo senza stupirci con un piccolo gioco… sotto il Voltone del Podestà, c'è un telefono senza fili: bisbigliando contro uno dei quattro angoli della volta, ci sentirà chi si trova nell'angolo opposto.

Passando per Portico del Pavaglione, uno dei luoghi “in” dello shopping bolognese, eccoci a Palazzo dell'Archiginnasio, sede originaria dell' Università più antica d'Occidente: è nata nel 1088. Merita una visita il Teatro Anatomico, l'antica aula delle lezioni di anatomia. A pochi passi ecco la Chiesa di San Domenico, vero e proprio scrigno di tesori della storia dell'arte italiana; tra questi, l'Arca Marmorea, che custodisce le spoglie del Santo, impreziosita dalle sculture di Nicolò Pisano, Nicolò dell'Arca e del giovane Michelangelo.

Dopo questo antipasto di Bologna “la Dotta”, è una buona idea dedicarsi  a Bologna “la Grassa”: quella del buon cibo e della buona cucina. 
 

Dove dormire in provincia di Bologna

06/11/2014
Salgari
Redazione Viaggio-in-Italia
(vedi tutti gli articoli di questo Autore)
N.B. - Nonostante sia stata posta la massima cura nella preparazione e nella revisione dei testi in Agenda e Blog, questi potrebbero non essere del tutto precisi o aggiornati. Si consiglia di verificarli con i siti ufficiali o autorevoli, collegati nelle rispettive pagine. Viaggio-in-Italia non si assume responsabilità di eventuali errori o imprecisioni, invita i lettori a segnalarli a: info@viaggio-in-italia.it per consentirci il controllo e la correzione.

Argomenti nel Blog

Regioni

Cancella i Filtri

Eventi in Agenda

Vedi tutto »

Articoli del Blog

Vedi tutto »